Droni: il nuovo regolamento ENAC si avvicina al Regolamento Europeo

Martedì, 12 Novembre 2019

Un nuovo set di norme europee fornisce nuove regole per il volo in sicurezza dei droni di qualsiasi misura
Nuova classificazione di aeromodelli, ora non possono avere sistemi automatici e/o autonomi. Introdotta la nuova classe di SAPR ad uso ricreativo: potrà svolgere operazioni non critiche con pilota che dovrà seguire un corso online e superare test online. Dal 1 novembre tutti gli operatori di SAPR (sia ricreativi che pro) di peso uguale o superiore ai 250g dovranno essere registrati su D-flight. Apparentemente esentati dalla registrazione e test online gli aeromodelli secondo la nuova definizione.
 
Alcune modifiche principali riguardano:
  • la classificazione di aeromodello, con il nuovo regolamento in bozza l'aeromodello è un dispositivo a pilotaggio remoto impiegato esclusivamente per fini ricreativi e sportivi (come oggi) non dotato di equipaggiamenti che ne permettano un volo automatico (nuova aggiunta) e/o autonomo e che vola sotto il controllo visivo diretto e costante dell'aeromodellista senza l'ausilio di aiuti visivi. Per sistema automatico si intende in grado di svolgere tutta la missione, o parte di essa in base ad un programma preimpostato dal pilota prima o durante il volo. Il pilota mantiene comunque il controllo del mezzo e può intervenire in tempo reale per assumerne il cotnrollo. In pratica, semplificando tutti i droni dotati di GPS che volano a waypoint ma probilmente anche con le funzioni smart tipo rocket, dronie etc. (programma preimpostato) non potranno essere considerati aeromodelli. 

Dal 1 novembre 2019 scatta la registrazione sito D-Flight per gli operatori SAPR ricreativi di peso uguale o superiore ai 250g

Ne consegue che per il nuovo regolamento, tutti i droni dotati della possibilità di volo automatico non potranno essere considerati aeromodelli. Se usati per fini ricreativi saranno considerati SAPR ad uso ricreativo e il pilota per condurli dovrà seguire un corso online con superamento di test finale presso il portale web ENAC oppure presso un Centro di Addestramento abilitato. 
  • A partire dal 1 novembre 2019 obbligatoria la registrazione su D-Flight per gli operatori di tutti i droni (non aeromodelli) di peso uguale o superiore ai 250g impiegati per divertimento/motivi ricreativi. Dovranno essere registrati sul sito D-Flight e condotti da un pilota che abbia conseguito l'attestato di competenza (quello "online" vedi sopra). A partire dal 1 luglio 2020 gli operatori/proprietari di SAPR per uso ricreazionale non potranno svolgere attività di volo in assenza di attestato di competenza e registrazione. 

SAPR ad uso ricreativo potranno svolgere anche le operazioni non critiche

In breve, sarà possibile usare un drone da divertimento allo stesso modo di come oggi si può usare un drone per le operazioni non critiche. In entrambi i casi sarà necessaria la registrazione su d-flight, e "l'attestato on line". Le operazioni potranno essere condotte mantenendo almeno 50m da persone che non sono sotto il controllo diretto dell'operatore e ad almeno 150m dalle aree congestionate. Proibito il sorvolo di aree congestionate, agglomerati urbani e infrastrutture sensibili. Si potrà volare anche nelle CTR e ATZ rispettando la circolare ATM-09.
 
Chi invece ha un drone senza possibilità di funzionalità di volo automatico e/o autonomo, potrà continuare ad utilizzarlo come aeromodello seguendo le stesse regole odierne cioè seguendo la sezione VII aeromodelli: "in aree opportunamente selezionate dall’aeromodellista, fino ad un’altezza massima di 70 m AGL entro un raggio massimo di 200 m in zone non popolate, sufficientemente lontano da edifici, infrastrutture e installazioni" fuori dalle ATZ e dalle CTR, fuori dalle zone regolamentate attive e zone proibite.

Gli Aeromodelli (droni senza GPS/ senza possibilità di volo automatico) apparentemente esentati dalla registrazione e dal test online

Secondo una nostra prima interpretazione gli aeromodelli (quindi i droni non dotati di funzionalità automatiche/autonome che permettano di volare con un programma pre-impostato) non essendo SAPR ad uso ricreativo non dovrebbero essere soggetti a registrazione e all'obbligo di test online per il pilota

Nuova altezza massima 120m 

L'altezza massima fuori dallo spazio aereo controllato è stata fissata in 120m rispetto al suolo. La distanza massima è relativa alla modalità di pilotaggio. Se VLOS la distanza massima è funzione della capacità del pilota nel determinare l'effettiva condizione dell' APR. Tuttavia la recente circolare ATM-09 fissa questa distanza in 500m fuori dallo spazio aereo controllato per i voli in VLOS.

Operazioni Critiche con i droni < 25kg in VLOS, quasi uguale ad oggi ma più semplice

Le operazioni critiche con i droni < 25kg in VLOS potranno essere svolte soltanto da pilota che:
  • abbia superato il test online previsto per i SAPR Ricreativi / Operazioni non critiche 
  • un corso di teoria presso un Centro Addestramento con esame finale con 30 domande a risposta multipla
  • un corso di pratica presso un Centro Addestramento con esame di conduzione drone davanti ad un Examiner

Novità - Operazioni Critiche in BVLOS con droni < 25kg

Con il nuovo regolamento potranno essere svolte anche operazioni in BVLOS. Per condurle con un drone < 25kg il pilota dovrà aver ottenuto l'attestato per le operazioni critiche VLOS e frequentare ulteriore corso di approfondimento pre un Centro di Addestramento con superamento di esame finale.

Assicurazione per tutti meno che per gli Aeromodelli (quelli della nuova definizione)

L'assicurazione sarà obbligatoria sia per i SAPR ricreativi che per quelli impiegati in operazioni non critiche e critiche. Esclusi gli aeromodelli così come classificati secondo la nuova definizione.

Sparisce la visita medica - Logbook rimane - Giubetto alta visibilità solo per le operazioni Critiche

La visita medica per il pilota delle operazioni non critiche e i voli con SAPR ricreativi non è prevista. Non sembra prevista neppure per il pilota delle operazioni critiche. Il Giubetto ad alta visibilità rimane per le operazioni critiche il logbook su cui registrare l'attività di volo rimane per tutti i piloti (SAPR ricreativi, non critiche, critiche).

Droni 300g invariati - non sarà richiesto neppure il test online

Secondo una prima interpretazione della bozza, i droni riconosciuti ENAC intrinsecamente inoffensivi aderenti all'art. 12 comma 5 potranno essere condotti senza che il pilota debba conseguire l'attestato, neppure quello online.
Copyright ©. Tutti i diritti riservati.

Richiedi una consulenza gratuita

Contattaci oggi stesso, saremo pronti ad affrontare ogni tipo di esigenza.

PRIVACY POLICY - COOKIES POLICY
Copyright © 2018 Didacta Service SRL. Tutti i diritti riservati.
Via A. Canova, 11 - 88046 - Lamezia Terme - Catanzaro - Calabria - Italia
P.IVA 01959430792 - Tel. +39 0968 43 10 07 - Fax +39 0968 43 66 21

design: cfweb

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la fruizione dei contenuti